Quali sono le funzioni del rito laico?

È vero, è l’ultima cosa a cui vorremmo pensare, ma i riti funebri hanno un grande valore di memoria, oltre che un costo diverso a seconda delle scelte che si fanno. Non riguardano solo il funerale e la sepoltura, ma tutti i gesti di saluto che avvengono prima della morte.

Tempo di lettura: 2 minuti

Natalia Pazzaglia
Natalia Pazzaglia

di

Imprenditrice e storyteller sociale. Fondatrice di Lasae, una startup che parla apertamente di morte, come strumento potente per aiutarci a godere la vita.

blank
exc-6502ce4db6c75706e7364fd5

I riti funebri hanno una funzione sia psicologica sia sociale e rappresentano un momento di socializzazione, condivisione del dolore e rafforzamento delle reti relazionali. Ecco quali sono e quanto costano.

Il funerale laico

Il funerale laico è la scelta che coloro che non si riconoscono in nessun credo religioso possono fare. Questo tipo di funerale può essere parallelo a quello religioso e si concentra sulla memoria e il ricordo che la persona cara lascia in chi resta. Può costare tra i 1.000 e i 2.000 euro, una cifra generalmente più bassa rispetto a quella per un funerale religioso: non è infatti necessario un servizio religioso e la cerimonia può avvenire in tanti luoghi diversi: in una sala mortuaria così come in un parco o un altro luogo significativo per il defunto.

Le sale del commiato

Le sale del commiato sono spazi laici nei cimiteri o in altri luoghi deputati a tale scopo, dove si dà l’ultimo saluto alla persona cara. Questi luoghi non hanno una connotazione religiosa specifica e possono essere caricati dei significati che la persona vuole dare al di là del proprio credo. In alcuni casi, è necessario pagare una cifra per il noleggio dello spazio, che si aggira solitamente tra i 300 euro e i 2000 euro, a seconda della dimensione dello spazio, del luogo e della presenza di servizi aggiuntivi, come catering, musica o fiori.

Il cerimoniere

Il cerimoniere è l’officiante che celebra il rito laico. Questa figura facilita le persone vicine al defunto, familiari e amici, nel definire e realizzare un rituale per salutare la persona morta. Potrebbe essere una persona di famiglia, ma più spesso si tratta di qualcuno che professionalmente svolge questo ruolo. In questo caso, si dovrà pagare una fee che si aggira tra i 300 e i 1000 euro, che dipende dall’esperienza del professionista, che solitamente ha frequentato un corso di formazione per esercitare la professione.

Lo sapevi?

Per avere informazioni più approfondite, oltre che tariffe agevolate nell’accesso ai servizi di cremazione e di funerali laici, esistono delle associazioni che si occupano di diffondere informazioni sulla cremazione: tra queste la Federazione Italiana Cremazione e SOCREM Torino. Queste associazioni hanno lo scopo di promuovere la cremazione come forma di sepoltura, di fornire informazioni e assistenza ai cittadini che desiderano cremare i loro cari.

Appuntamento tra due settimane, per iniziare a parlare di successione.

Vuoi saperne di più?

Puoi approfondire gli argomenti di questo articolo nel video di Lasae dedicato ai riti e quello sulla cremazione. Per restare aggiornato o approfondire queste tematiche, iscriviti alla newsletter di Lasae e visita il sito.

Condividi