Quanto costa il processo di successione?

Avere un testamento farà la differenza nella divisione dei beni, ma ci saranno, in ogni caso, diverse spese da considerare, in particolare quelle notarili e legali.

Tempo di lettura: 2 minuti

Natalia Pazzaglia
Natalia Pazzaglia

di

Imprenditrice e storyteller sociale. Fondatrice di Lasae, una startup che parla apertamente di morte, come strumento potente per aiutarci a godere la vita.

blank

Come si dividono le spese?

  • Gli onorari notarili sono tipicamente calcolati in base a una percentuale del valore dell’asse ereditario o sulla base di una tariffa oraria del notaio;
  • Le spese legali, invece, subentrano qualora si decida di essere assistiti da un avvocato nel processo di successione. In determinati casi, a queste si aggiungono spese di tribunale, specialmente se sorgono controversie tra gli eredi.

Di quanti soldi stiamo parlando?

Ogni successione è diversa ed è sicuramente difficile dare un quadro generico, ma in linea di massima, rispetto alle spese notarili parliamo di:

  • Spese di apertura della successione: 1.000-2.000 euro
  • Spese di pubblicazione dell’avviso di successione: 500-1.000 euro
  • Spese di inventario dei beni: 500-1.000 euro
  • Spese di liquidazione dei debiti: 500-1.000 euro
  • Spese di divisione dei beni: 500-1.000 euro

Se la successione è semplice, senza debiti e con pochi beni, le spese notarili possono essere inferiori a 10.000 euro. Se la successione è complessa, con molti beni, debiti o eredi coinvolti, le spese notarili possono superare i 20.000 euro.

A quanto possono ammontare le spese legali?

Queste spese possono variare in base a diversi fattori, come la complessità del caso, la durata del procedimento e la tariffa dell’avvocato. Alcune delle spese legali più comuni sono:

  • Consulenza iniziale: per esaminare i dettagli della successione, valutare le opzioni legali disponibili e le procedure da seguire;
  • Preparazione e revisione di documenti;
  • Partecipazione a negoziazioni, specialmente se ci sono conflitti o questioni da risolvere tra gli eredi;
  • Rappresentanza legale in tribunale;
  • Assistenza nell’accettazione o rinuncia all’eredità.

Il calcolo dell’onorario di un avvocato è legato a molti fattori diversi, tra cui la presenza di una tariffa oraria o fissa, la complessità delle negoziazioni e quella della successione. Generalmente parliamo di una cifra compresa tra 2.000 e 5.000 euro.

È molto importante avere dei preventivi e, qualora possibile, rivolgersi a più professionisti per poter confrontare le tariffe.

Spesso l’avvocato può aiutare anche nel calcolo delle imposte di successione e nella redazione della “dichiarazione di successione”. In Italia, infatti, sono previste imposte di successione e donazione che possono essere applicate in base al valore del patrimonio e al rapporto tra il defunto e gli eredi.

Vuoi saperne di più?

Puoi approfondire gli argomenti di questo articolo nel video di Lasae dedicato a successione e testamenti. Per restare aggiornata o approfondire queste tematiche, iscriviti alla newsletter di Lasae e visita il sito.

Condividi